Mappa (in)ospitale per un’autobiografia | il manifesto


In una fase di immobilità forzata com’è oggi la nostra, parlare di movimento può apparire fin paradossale. Se però si considera il primo movimento d’incontro con la città, ad esempio dei migranti, come forma anch’essa…



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.