Omicidio di Jessica Faoro, il gip: «Fu uccisa perché rifiutò le avances del suo assassino»


Una “lucida volontà criminale” che si trasforma in un atto “punitivo” di fronte al rifiuto di Jessica Faoro di soddisfare le sue richieste sessuali. Così il giudice di Milano Alessandra Cecchelli motiva la condanna all’ergastolo…



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.