Dalla penna alla scena, gli eroi manzoniani reinventati da Testori


«Testori una volta mi disse: si ricordi, mia cara Andrée: i pittori che affrescavano le cappelle delle chiese non potevano scegliere misura e soggetto. Ma se uno era Giotto veniva fuori, se era un cretino restava un cretino. Nel limite, voleva…



Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.