L’incantata terra dei draghi. Leggende e tradizioni lombarde



acquista ora

Draghi! Draghi? Un libro di fiabe per bambini? Di storie per appassionati del genere fantasy? Un’opera che tenta, goffamente e maldestramente, di fare il verso e di inserirsi nel mare magnum dei vari Signori degli Anelli, Hobbit, Troni di Spade, Eragon, Dragon Trainer…, sperando, così, di vendere qualche copia in più grazie all'”effetto alone” della loro scintillante notorietà? Un volume che cerca di uniformarsi, compiacere ed allinearsi alla superficiale cultura globale imposta ad una folla di uomini ad una dimensione, senza volti né identità e che si lasciano abbindolare da un po’ di presunta polvere di stelle? Un testo che celebra e rafforza i fasti dell’ingannevole mondializzazione, della subdola massificazione, del completo sradicamento, dell’arrogante disincantamento, dello sciagurato oblio, delle memorie senza passato e speranze senza futuro, di uno sterile e sterilizzato presente ingabbiato in un disperato “qui ed ora”? Mi dispiace, cari amici e lettori, se cercavate tutto ciò, L’incantata terra dei draghi non è proprio il libro per voi perché si tratta di qualcosa di Altro, di diametralmente opposto.

EUR 18,50





Draghi! Draghi? Un libro di fiabe per bambini? Di storie per appassionati del genere fantasy? Un’opera che tenta, goffamente e maldestramente, di fare il verso e di inserirsi nel mare magnum dei vari Signori degli Anelli, Hobbit, Troni di Spade, Eragon, Dragon Trainer…, sperando, così, di vendere qualche copia in più grazie all'”effetto alone” della loro scintillante notorietà? Un volume che cerca di uniformarsi, compiacere ed allinearsi alla superficiale cultura globale imposta ad una folla di uomini ad una dimensione, senza volti né identità e che si lasciano abbindolare da un po’ di presunta polvere di stelle? Un testo che celebra e rafforza i fasti dell’ingannevole mondializzazione, della subdola massificazione, del completo sradicamento, dell’arrogante disincantamento, dello sciagurato oblio, delle memorie senza passato e speranze senza futuro, di uno sterile e sterilizzato presente ingabbiato in un disperato “qui ed ora”? Mi dispiace, cari amici e lettori, se cercavate tutto ciò, L’incantata terra dei draghi non è proprio il libro per voi perché si tratta di qualcosa di Altro, di diametralmente opposto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.