Ilda Boccassini, la prima commissione del Csm: il magistrato non collabora con la direzione nazionale antimafia

C’è una “carenza di informazioni” da parte della Dda di Milano nei confronti della procura nazionale antimafia. Un problema vecchio, ma che si è acuito con la gestione di Ilda Boccassini nel periodo tra il 2010 e il 2013. E queste “oggettive criticità” “impongono la trasmissione degli atti ai titolari dell’azione disciplinare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.