«Ecco perché il Dna ha inchiodato Bossetti». Quattro genetisti incastrano il presunto killer

ROMA – Quattro genetisti, intervistati su Repubblica, spiegano che per identificare una persona con il Dna servono 11-13 marcatori e, nel caso di Massimo Bossetti, il presunto killer di Yara Gambirasio, questi marcatori sono addirittura 21.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.