Berlusconi e l’attacco alle toghe. “Ora rischia l’incriminazione” e trema sul processo Ruby: sentenza immediata il 18 luglio

Senza scudi, da ex (premier, parlamentare e Cavaliere), il processo di verifica ai sette anni di reclusione per il sexygate Ruby, incassati il 24 giugno 2013 da Silvio Berlusconi, scivola verso sentenza immediata. 18 luglio, data concordata con i difensori dell’ex premier di Marinella Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.